Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego.

logo laviadiannibale

La Sky Marathon più alta d'Europa - con 5 km oltre i 3000 m slm

logo federazione

Italian Chinese (Simplified) English French German Russian Spanish

Regolamento


La via di Annibale Sky Marathon
Elefanti Sky Race
Elefantini Sky Trail


Art 1- INFORMAZIONI GENERALI

L’Associazione Sportiva Dilettantistica Valli di Lanzo Sport organizza nel settembre 2018 le seguenti manifestazioni di Trail in alta quota: “ASM - La via di Annibale - sky marathon” - “EST - Elefanti sky trail” in collaborazione con il Comune e le Proloco di Usseglio.

Art. 2 - LE CORSE

ASM 2/1 “La via di Annibale®” Sky Marathon  (ASM)- Il percorso

Ripercorre la via seguita dall’esercito del condottiero Annibale Barca che nel 218 a.C. quando valicò le Alpi per questo passo e si diresse prima nella pianura Padana e poi contro Roma. La descrizione dettagliata del passaggio è documentata nel romanzo storico “La druida di Margun - Hanniba'al” di Sisto Merlino. Correndo per queste montagne pare di rivedere le migliaia di uomini e cavalli (oltre agli elefanti) nel loro epico viaggio. È una corsa a piedi di 41 Km di lunghezza e 3300 m di dislivello positivo, con 1% di asfalto e 3% di strada sterrata, da percorrere in semi-autosufficienza in ambiente alpino di alta montagna. La partenza della manifestazione è fissata sabato 1 settembre 2018, alle ore 06.00 dal parterre dell’hotel Grandusseglio. Il tempo massimo consentito per terminare la gara è 12 ore.

Il percorso “La via di Annibale®” Sky Marathon (ASM) è classificato con il bollino rosso: EE  itinerario per escursionisti esperti.”La via di Annibale®” Sky Marathon, si snoda prevalentemente su strade forestali, mulattiere e sentieri in quota. E’ un itinerario che richiede la capacità di muoversi su terreni particolari, tracce o sentieri impervi o infidi (pendii con affioramenti rocciosi o detritici), talora impegnativi ed esposti. Con due colli oltre i 3000 m, ed la salita a 3305 m  di Punta Costan, attraversamento di nevai e i resti del ghiacciaio Berta. Sono possibili nevicate durante la gara che seppur relativamente breve ha un alto fascino tecnico e paesaggistico. Il percorso della “La via di Annibale®” Sky Marathon (ASM) 2018 segue il seguente itinerario: Usseglio 1260, Margone 1410, Rifugio Cibrario 2616, Colle Sulè 3073, Colle Autaret 3071, Punta Costan 3305 (FR), Rifugio Tazzetti 2642, Lago di Malciussia /rifugio Vulpot 1805, Usseglio 1260. In caso di maltempo o di impraticabilità di uno o più sentieri, sono previsti percorsi alternativi che saranno presentati al briefing pre-gara prima della partenza alle ore 5,00 nel zona partenza. I chilometri non sono segnati. I concorrenti dovranno rispettare rigorosamente il percorso di gara segnalato evitando di prendere scorciatoie o tagliare tratti del tracciato. L’allontanamento dal percorso ufficiale, avverrà ad esclusivo rischio e pericolo del concorrente. L'Organizzazione non risponde di infortuni che si sono avuti fuori del tracciato e negli orari di gara. L'atleta che non passa nei cancelli entro l'orario limite imposto, sarà considerato come escursionista sul quel tracciato.

Novità 2018: si potrà correre sabato 1 settembre 2018, con partenza alle 6,00, anche la Elefanti Sky Race di 33 km e 2400 m D+. Rispetto alla variante più lunga, si salirà solo al Colle Sule 3073 m e poi si inizierà la discesa verso Usseglio. Non si salirà verso l'Autaret e la punta Costan e no si salirà al Rifugio Tazzetti.

EST 2/2 - “Elefantini Sky Trail” - Il percorso

La corsa dei 11 km, “Elefantini Sky Trail”  presenta al suo interno due aspetti caratteristici e distinti l’uno dall’altro. Appena dopo la partenza da Usseglio 1260 m inizia un Vertical Kilometer, di 940 m di dislivello e lungo 5 km che porta al Col Lusera 2200 m. Questa salita detta “Il sentiero delle aquile” diventa poi, dal colle in giù, uno Sky Trail di oltre 5 km che scende a Pian Benot 1636 e prosegue fino ad Usseglio 1260. Questo tratto è stato battezzato “La carica degli elefanti”, vuoi in onore alle due giornate sportive che ricordano il passaggio di Hanniba’al dall’Autaret (3071 m), vuoi l’oggettiva e impressionante suggestione che suscitano un “branco” di corridori nella corsa in discesa volti a conquistare le prime posizioni in questo tratto favorevole, ma difficile perchè troppo veloce.

La competizione può quindi essere:
Vertical 5 km 940 m D+      valida per il circuito Vertical Valli di Lanzo (solo salita)
Sky Trail 11 km valida per circuito UISP Trail Piemonte (salita + discesa)

Al Vertical potranno partecipare i concorrenti tesserati FIDAL, RUNCARD o eventuali EPS (UISP, CSEN,FSA, ecc ecc) in corso di validità. 
Per i non tesserati è possibile partecipare alla Sky Trail (salita + discesa) di 11 km totali inviando certificato medico sportivo agonistico in corso di validità

Le categorie premiate con i primi tre assoluti sono così ripartite:

- Categoria Donne
- Categoria Uomini di età inferiore a 40 anni 
- Categoria Uomini di età superiore a 40 anni compiuti

Art. 3 - REQUISITI DI PARTECIPAZIONE (solo per ASM)

Per la partecipazione alla corsa è necessaria esperienza di montagna, assenza di vertigini, ottimo allenamento, abbigliamento adeguato per una temperatura che può variare da -15 a +30 gradi. La partecipazione a questa tipologia di manifestazioni, tuttavia, è riservata ad atleti con provata esperienza sia di gare di lunga percorrenza, sia degli ambienti di alta montagna, e con una capacità di autonomia tale da poter gestire al meglio, senza aiuti esterni, le varie problematiche che possono insorgere in questa specialità (marcia notturna, condizioni meteo proibitive (notte, vento, freddo, nebbia, pioggia o neve) stanchezza fisica o mentale, malesseri, infiammazioni o problemi muscolari, infortuni, ecc.).

Ricordiamo che la corsa si svolge per un lungo tratto oltre i 3000 m.

Le gare si svolgeranno in regime di semi-autosufficienza. Occorre essere pienamente coscienti della lunghezza e della difficoltà della prova ed essere allenati per affrontarla. Aver acquisito, prima della corsa, una reale capacità d'autonomia personale in montagna per potere gestire al meglio i problemi legati a questo tipo di prova ed in particolare:
- Essere in grado di gestire, anche se si è isolati, i problemi fisici o psicologici dovuti ad una grande stanchezza, i problemi gastrointestinali, i dolori muscolari o articolari, le piccole ferite.
- Essere coscienti che il ruolo dell’Organizzazione non è di aiutare un corridore a gestite questi problemi.
- Per la corsa in montagna, la sicurezza dipende dalla capacità del corridore di adattarsi ai problemi riscontrati o prevedibili.

Art. 4 - EQUIPAGGIAMENTO OBBLIGATORIO (solo ASM)

La partecipazione a queste gare prevede l’utilizzo di materiale obbligatorio che il concorrente deve avere sempre con se nel corso di tutto il percorso. Il materiale indicato rappresenta un minimo vitale che consente di affrontare la prova in sicurezza ma che deve essere integrato in funzione delle singole esigenze:
- Zaino o marsupio in grado di contenere tutto il materiale obbligatorio
- Borracce o Camel Bag con riserva d’acqua di almeno ½ litro
- Lampada frontale funzionante
- Telo termico di sopravvivenza/ coperta d'emergenza
- Maglia o micropile a manica lunga;
- Giacca impermeabile antivento con cappuccio
- Pantaloni lunghi, o sovrapantaloni impermeabili,  o ghetta coprigamba (da collegare ai pantaloni corti per avere un pantalone lungo intero);
- Guanti e berretto, 
- Riserva alimentare;
- Calzature da trail running adeguate alla tipologia del percorso,

Il materiale obbligatorio potrà essere indossato o riposto all'interno dello zainetto di gara. 

Il controllo del materiale obbligatorio sarà effettuato al ritiro del pettorale. I commissari di gara, incaricati dall’organizzazione, potranno verificare che i concorrenti l’abbiano con sè. Il concorrente ha l’obbligo di sottomettersi a questi controlli, pena la squalifica.

Per chi conosce la montagna sa che queste dotazioni sono il minimo indispensabile per la propria sicurezza.

 Art. 5 - EQUIPAGGIAMENTO CONSIGLIATO (solo ASM)

- Dispositivo GPS; (traccia aggiornata sul sito www.laviadiannibale.it o presso il polisportivo prima della gara)
- Kit pronto soccorso individuale (Bende, cerotti),
- Fischietto
- Copripantaloni impermeabili;
- È consigliato l'uso dei bastoncini;
- Occhiali da sole;
- Sacchetto individuale rifiuti.
- Bicchiere personale (no bicchieri ai ristori);
- Riserva economica in caso di stazionamento nei rifugi per ritiro o altre eventuali.

 Art.6 - EQUIPAGGIAMENTO CONSIGLIATO per Elefanti (EST)

- Indumenti e calzature adatte alla stagione e al percorso.
- Borracce o Camel Bag con riserva d’acqua di almeno ½ litro
- L'uso dei bastoncini;

Art. 7 - NORME DI COMPORTAMENTO IN GARA 

I tracciati saranno ben segnalati con segni di sentiero rossi e bianchi, fettucce bianche e rosse. Verrà anche fornita una cartina del tracciato con punti di ristoro ed assistenza.

- Svolgendosi la competizione in ambiente di alta montagna, i punti di abbandono e/o i cancelli sono collocati in zone di sicurezza ma non serviti da strade o mezzi di locomozione; l’atleta dovrà pertanto rientrare a valle con le proprie forze lungo l’itinerario più breve che gli verrà indicato.

- In caso di malore o infortunio, dovrà essere allertata l’Organizzazione. Il corridore che abbandona la corsa senza comunicarlo immediatamente, dovrà farsi carico di tutte le spese correlate all’avvio della ricerca da parte del personale di soccorso.

- A tutela della salute dei partecipanti, il personale medico presente ai punti di controllo o lungo il percorso è abilitato a consigliare il concorrente, che non sarà giudicato idoneo al proseguimento della gara, per evidente difficoltà psicomotoria, a ritirarsi. Nel caso il concorrente decida di proseguire la gara, ma procurerà a se stesso o ad altri infortuni tali da richiedere l’intervento dei soccorritori, dovrà farsi carico di tutte le spese correlate all’avvio della ricerca da parte del personale di soccorso.

- In ogni fase della gara, i concorrenti dovranno muoversi in maniera autonoma ed autosufficiente, senza aiuto e/o assistenza esterna, salvo usufruire dei rifornimenti dell’Organizzazione.

- Dovrà essere rispettata la proprietà privata, evitando di danneggiare strutture o manufatti incontrati durante il percorso, è vietato gettare rifiuti o abbandonare oggetti lungo il percorso, evitare di raccogliere fiori o molestare la fauna è importante che chi vive e lavora sulle montagne non veda queste manifestazioni come invasive ma un altro modo, simpatico e cordiale, di essere montanari per un giorno. Rispettare i volontari: i volontari, partecipano anch'essi per il solo piacere di esserci ed il loro aiuto è fondamentale anche nella prevenzione.

- Nello spirito della montagna, i concorrenti, in caso di bisogno, sono tenuti a prestarsi reciproco aiuto come da art. 593 c.p. Ogni atleta dovrà prestare assistenza ai corridori che dovessero trovarsi in difficoltà o pericolo ed eventualmente chiamare il soccorso. Il tempo impiegato per il soccorso: il concorrente annotata l’ora in cui si è arresto per prestare soccorso e l’ora in cui a ripreso la propria gara individuale, vedrà questo tempo sottratto all’arrivo per non inficiare la propria prestazione.
Inoltre, nel caso l’assistenza avvenga per un infortunio rilevante o grave o per un tempo di fermo oltre i 20 minuti, al concorrente soccorritore verrà aggiunto un buono che abbasserà il tempo della propria gara di 15 minuti oltre al tempo impiegato per il soccorso.
Onde evitare discussioni, il giudice di appello sentendo il tecnico di gara, il personale che ha prestato il soccorso e l’infortunato potrà applicare il buono sul tempo di gara per il soccorritore.
Si ricorda che la decisione del giudice di appello non è contestabile ne impugnabile, pena la squalifica.

Art. 8 - AMBIENTE 

Aderendo al progetto Spirito Trail "Io non getto i miei rifiuti" si ricorda che è vietato gettare rifiuti di qualunque tipo nell'ambiente montano attraversato.
Lo scopo della campagna è di sensibilizzare i podisti al rispetto della natura e dell'ambiente:
- E' prevista la squalifica per chi getta rifiuti a terra
- Uilizzare le scatole per i rifiuti nei pressi dei ristori Cibrario, Tazzetti, Vulpot e Margone
- E' obbligatorio l'utilizzo del proprio bicchiere personale.

Art. 9 - SICUREZZA E CONTROLLO

Sul percorso saranno presenti addetti dell’Organizzazione, Croce Rossa Italiana, Protezione civile, Gruppo Alpini, Soccorso Alpino e volontari in costante contatto con la base. Ambulanze, personale medico o personale abilitato al primo soccorso, stazioneranno in diversi punti del percorso, nonché alla partenza e all’arrivo, dove sarà presente anche un medico rianimatore e un PMA (posto medico avanzato).
L’organizzazione ha preparato un piano di sicurezza. Ogni partecipante alla gara si impegna a rispettare le decisioni prese dai soccorritori durante la gestione di una qualsiasi forma di emergenza che dovesse presentarsi nel corso della manifestazione. In particolare si ricorda che ad ogni concorrente è fatto obbligo, soprattutto per la sua sicurezza, di:
- sottoscrivere e rispettare il presente regolamento e la normativa generale;
- presentarsi alla partenza munito del materiale obbligatorio sotto elencato;
- indossare scarpe da trail running o equivalenti;
- tenere il pettorale ben visibile durante l’intera gara;
- seguire il percorso adeguatamente segnalato.

Lungo il tracciato saranno istituiti dei punti di controllo, dove addetti dell’organizzazione monitoreranno il passaggio degli atleti.

Ogni corridore ferito o in difficoltà, potrà chiamare i soccorsi:
- presentandosi ad un posto di soccorso o ai punti di ristoro
- chiamando i numeri di soccorso impressi sul pettorale
- chiedendo ad un altro corridore di avvisare i soccorsi
Ogni corridore deve prestare assistenza a tutte le persone in difficoltà ed avvisare i soccorsi (art.7 del regolamento).
Non dimenticate che le condizioni ambientali e della corsa possono farvi aspettare i soccorsi più a lungo del previsto. La vostra sicurezza dipenderà allora dal materiale che avete messo nel vostro zaino.
Un corridore che fa appello ad un medico o ad un soccorritore si sottomette di fatto alla sua autorità e si impegna a rispettare le sue decisioni.
Tutti i concorrenti devono rimanere sui sentieri tracciati. Il concorrente che si allontana volontariamente dai sentieri segnalati, non è più sotto la responsabilità dell'Organizzazione, divenendo di fatto un escursionista autonomo, non più coperto dall’assicurazione dell’Organizzazione.

Art. 10 - ORARI - PARTENZE - CANCELLI e TEMPO MASSIMO

ASM

Cancelli e ristori Ore dalla partenza ora   Distanze Km
Briefing - pettorali 5,00
Partenza da Usseglio 0,00 6,00  0,00
Rif. Cibrario  2,30 8,30 11,00
Bivio Gavie (via di rientro) (Cancello) 4,00 10,00 14,00
Lago sup. Autaret (Cancello) 5,00 11,00 17,00
Marmottere (via di rientro) (Cancello) 8,00 14,00 21,00
Rif. Tazzetti 9,00 15,00 24,00
Rif. Vulpot – Malciussia (Cancello) 10,00 16,00 29,00
Margone piazza (Cancello) 11,30 17,30
Arrivo Usseglio 12,00 18,00 41,10

Tempo massimo finale: 12 ore. 

E' possibile ritirare il pettorale presso lo stand dell'organizzazione
(zona partenza) già il venerdì dalle ore 18,00 alle 20,00

In caso di squalifica o non pasaggio nei tempi massimi stabiliti nei cancelli, verrà richiesto all'atleta di consegnare il pettorale per una questione logistica sul tracciato.
Il pettorale verrà restituito per ricordo, alla reception a fine gara. Si ringrazia per la collaborazione.

EST

Cancelli e ristori orario   Distanze Km
Briefing - pettorali 7,00
Partenza da Usseglio 9,00 0,00
Colle Lusera 10,30 5,50
Pian Benot 11,00 8,90
Arrivo ad Usseglio 11,30  12,00 
Tempo massimo finale: 3,00 ore. 

Gli orari potranno subire cambiamenti per esigenze di sicurezza sul tracciato, è consigliato arrivare con almeno 1 ora di anticipo prima della partenza.

Agli atleti che transiteranno ai cancelli oltre i tempi previsti, sarà vietato il proseguimento della competizione e sarà loro segnato il pettorale di gara. Nel caso in cui tali concorrenti, per qualunque motivo, volessero continuare lo faranno unicamente sotto la propria responsabilità diventando giuridicamente escursionisti indipendenti e non atleti su un percorso di gara, e non avranno più diritto alla copertura assicurativa dell'organizzazione, ai ristori e punti di assistenza posti lungo il percorso.

Art. 11 - PENALIZZAZIONI E SQUALIFICHE

Tutte le decisioni saranno prese a discrezione insindacabile della Giuria. 
È prevista l’immediata squalifica, con annullamento del pettorale di gara, per le seguenti infrazioni:

- Comportamento antisportivo, minacce/insulti per atleti/organizzatori/volontari o azioni che possano essere ritenute pericolose per la loro sicurezza o che possano compromettere il regolare svolgimento della gara. È inoltre indispensabile il rispetto in ogni sua forma: rispetto di se stessi e degli altri, evitando qualsiasi tipo di scorrettezza; rispetto dei volontari che prestano servizio unicamente per piacere; rispetto della popolazione locale che accoglie la corsa; rispetto dell’organizzazione e dei suoi partner.

- Mancato passaggio da un punto di controllo = squalifica

- Abbandono o taglio del percorso di gara = squalifica

- Abbandono di rifiuti sul percorso o procurato danno ambientale = squalifica

- Mancato soccorso ad un concorrente in difficoltà = squalifica

- Assistenza esterna non autorizzata = da 30 min a squalifica (utilizzo di mezzi di trasporto in gara = squalifica)

- Rifiuto di sottoporsi al controllo o mancanza di materiale obbligatorio = squalifica

- Rifiuto di sottoporsi al controllo del personale medico sul percorso = squalifica

- Mancanza di oggetti della dotazione obbligatoria = penalizzazione di 30 min.
La penalizzazione sarà applicata immediatamente, nel punto dove sarà accertata l’eventuale infrazione.

I commissari di corsa presenti sul percorso ed i “capi posto” dei punti di controllo e ristoro sono obbligati a far rispettare il regolamento e, in caso di mancata osservanza, ad applicare una penalità o la squalifica.  In ogni caso le decisioni saranno prese in accordo con la giuria di gara.

Art.12 - RESPONSABILITA' DEGLI ATLETI - DIVIETO ALLA PRESENZA SUL PERCORSO DI GARA DI ATLETI NON ISCRITTI - CONTROLLI DA PARTE DI PUBBLICI UFFICIALI

12/1 Sul percorso di gara saranno presenti pubblici ufficiali che vigileranno sulla sicurezza dei partecipanti, allontanando le persone estranee e non regolarmente iscritte alle competizioni.

12/2 L'iscritto è responsabile della titolarità e della custodia del proprio pettorale di gara, acquisendo il diritto di usufruire di tutti i servizi menzionati nel presente regolamento e successivamente comunicati.

12/3 - Chiunque, senza regolare iscrizione, partecipasse senza pettorale, oltre ad essere ritenuto responsabile di danni a persone o cose, incluso se stesso, incorrerà in sanzioni sportive di competenza degli organi federali e potrà essere passibile delle sanzioni penali previste per il reato di "furto" (art. 624 del c.p.) 

12/4 - Chiunque, senza regolare iscrizione, partecipasse con un pettorale contraffatto o comunque non conforme all'assegnazione, oltre ad essere responsabile come sopra indicato, incorrerà nelle sanzioni sportive e, inoltre, potrà essere passibile delle sanzioni penali previste per il reato di "furto" (art. 624 del c.p.), ovvero, alternativamente, per il reato di truffa (art. 640 c.p.)

Nei casi 12/3 e 12/4 i partecipanti potranno essere passibili delle sanzioni previste per il reato di "inosservanza dei provvedimenti delle Autorità" (art. 650 del c.p.).

12/5 Le fattispecie suddette saranno riscontrabili previa verifica dei giudici di gara lungo il percorso ed all'arrivo e di documentazioni fotografiche e/o video.

È vietato farsi accompagnare o essere assistiti per parte o per tutta la durata della corsa da una persona che non sia regolarmente iscritta.

Art. 13 - RECLAMI

Tutti i reclami dovranno essere formulati in forma scritta, depositati all’ufficio gare con una cauzione di 100 euro (non restituibili se il reclamo non sarà accettato), entro il tempo massimo di due ore dall’arrivo dell’atleta interessato. In sintonia con lo spirito trail, si auspica comunque una completa correttezza da parte degli atleti.

Art. 14 - OSPITALITA' - SACCHE CORRIDORI

Pernottamenti presso gli hotel di Usseglio, zona camper vicino al parterre di partenza, docce e pernottamento al sacco nel centro Polifunzionale, Servizio borse presso il Polifunzionale.
L’Organizzazione non risponde di eventuali sacche atleti con il cambio per la doccia o il post gara che vengano lasciate all’interno del Polifunzionale o alla partenza. Si raccomanda in ogni caso di non inserire nelle sacche oggetti di valore; in ogni caso l’Organizzazione non è responsabile di eventuali furti, smarrimenti o danneggiamenti delle sacche o del loro contenuto.
L’Organizzazione non provvede per nessun motivo a rispedire a domicilio le sacche abbandonate post gara, le quali, per motivi igienici, verranno immediatamente distrutte.

Art. 15 - PUNTI DI CONTROLLO - RISTORO

Per la ASM sono previsti 4 punti di ristoro: Rifugio Cibrario 2616  - Rifugio Tazzetti 2642 - Lago di Malciaussia 1805 Rifugio Vulpot - Margone (piazza) Ristorante ‘Il caminetto’
La corsa è in regime di semi assistenza, occorre quindi fare scorta acqua da un ristoro all'altro.

Per la EST è prevista acqua a Colle Lusera (appena scesi dal Colle).

I punti ristoro sono approvvigionati con bibite, acqua e cibo che devono essere consumati sul posto; è vietato bere direttamente dalle bottiglie dei ristori; i rifiuti dovranno essere gettati negli appositi contenitori. I punti ristoro sono: Rifugio Cibrario e Tazzetti, e acqua e tè per Vulpot. L’Organizzazione fornisce solo acqua naturale per il riempimento delle borracce o camel bag. Alla partenza da ogni punto ristoro, i corridori devono accertarsi di avere la quantità d’acqua e di alimenti necessari per arrivare al punto ristoro successivo. Ogni atleta dovrà avere il bicchiere personale (non in vetro e non saranno forniti bicchieri ai ristori).
Hanno accesso al punto di ristoro esclusivamente i concorrenti con il pettorale ben visibile.
Si consiglia comunque ai concorrenti di portare con sé la quantità necessaria di sali minerali da utilizzare durante la gara.
L’eventuale acquisto di cibo o bevande non previsti dall’Organizzazione nei rifugi è a carico del concorrente.

Art. 16 - MODIFICHE DEL PERCORSO E DELLE BARRIERE ORARIE - ANNULLAMENTO DELLA CORSA.

L’Organizzazione si riserva il diritto di modificare in ogni momento il percorso o la posizione dei punti di soccorso e di ristoro senza preavviso. In caso di condizioni meteorologiche sfavorevoli la partenza può essere posticipata o annullata. L’Organizzazione si riserva il diritto di sospendere la gara in corso o di modificarne le barriere orarie, nel caso in cui si verificassero condizioni tali da non garantire più la sicurezza degli atleti.

In ogni caso la quota d’iscrizione non sarà restituita.

In caso di mal tempo si potrà accorciare la Marathon sulla Elefanti Sky Race con  33 km e 2400 m D+, per poter svolgere ugualmente la corsa, salvo condizioni di pericolo. 

In caso di livello di allerta meteoidrologica di livello 3 da parte dell'ARPA Piemonte, per proibitive condizioni meteo che possono mettere in serio pericolo l'incolumità degli atleti, la gara verrà posticipata a domenica 2 settembre. Solo il perpetrarsi di meteo estremamente avverso potrebbero indurre l'organizzazione ad annullare la manifestazione.

Per livello 3 si intende:
Piogge forti, estese e persistenti, con superamento dei livelli pluviometrici critici. Possibilità anche di fenomeni a carattere temporalesco, ma inseriti in un contesto prevalentemente avvettivo determinato da una forzante sinottica a grande scala. In ambiente collinare e montano, inneschi diffusi di frane superficiali, attivazioni/riattivazioni diffuse di frane per scivolamento traslativo/rotazionale, diffusi crolli, riattivazione di grandi frane ad attività complessa, colamenti lenti e crolli in massa; diffusi fenomeni torrentizi che interessano i bacini di piccole dimensioni. Intensi e diffusi fenomeni di erosione e alluvionamento, estesi fenomeni di inondazione con coinvolgimento di aree distali al corso d'acqua connessi al passaggio della piena straordinaria, sifonamento o rottura degli argini, occlusione parziale o totale delle luci dei ponti, abbattimento di ponti e attraversamenti.
Diffusi danni, anche di grave entità, alle attività agricole e agli insediamenti residenziali e industriali sia prossimali che distanti rispetto al corso d'acqua; danni o distruzione di centri abitati, di rilevati ferroviari o stradali, di opere di contenimento, regimazione o di attraversamento per esondazione e/o fenomeni gravitativi; possibili perdite di vite umane e danni, anche gravi, a persone e beni.

Ogni decisione in merito sarà presa dalla giuria di gara.

Art. 17 - ABBANDONO DA PARTE DELL’ATLETA

L’abbandono di un concorrente in difficoltà, o fuori tempo massimo, spontaneo o su decisione della giuria e/o di uno dei medici dell’Organizzazione, dovrà obbligatoriamente avvenire in corrispondenza del più vicino punto di controllo, dove il personale incaricato, indicherà la via più breve per il rientro a valle o ai mezzi di soccorso.
In questo caso verrà annullato il pettorale che comunque il corridore dovrà conservare e riconsegnare appena rientrato all’arrivo.
Il rientro è deciso con il responsabile del posto di controllo alle seguenti regole:
- Per i punti di ristoro o di soccorso accessibili con i mezzi dell'Organizzazione.
- Al momento della chiusura del punto ristoro o di soccorso, l'Organizzazione può, se ci sono mezzi disponibili, riportare all’arrivo i corridori che hanno abbandonato e che sono ancora presenti sul sito.
- In caso di abbandono prima di un punto di controllo, il concorrente deve obbligatoriamente recarsi al punto di controllo precedente e comunicarlo al responsabile.
- Se, mentre sta tornando indietro, il corridore incontra il "servizio scopa", quest’ultimo invaliderà il pettorale. A questo punto, il corridore non è più sotto la responsabilità dell’Organizzazione.
- In caso di mancata comunicazione di un ritiro e del conseguente avvio delle ricerche, all’atleta verranno addebitate le spese derivanti dalla ricerca.

Art. 18 - ISCRIZIONI

Il pagamento potrà essere effettuato online sul sito www.laviadiannibale.it tramite bonifico bancario, o circuito Paypal ed entro la data di chiusura delle iscrizioni. 
Le quote di partecipazione per l’anno 2018:

ASM   50,00 €     dal 10 gennaio al 31 luglio 2018
          60,00 €    dal 01 agosto al 26 agosto ore 24,00
          Accettazione iscrizioni oltre il 26 agosto a discrizione dell'Organizzazione.
          Oltre il 26 agosto non si avrà diritto  alla T-shirt dell'evento.

EST    20,00 €     dal 10 gennaio al 26 agosto ore 24,00
          Oltre il 26 agosto non si avrà diritto  alla T-shirt dell'evento.

La quota di iscrizione alla ASM ed EST comprende:
- Assicurazione internazionale in caso di infortunio in territorio francese (art. 20)
- Pettorale di gara,
- Maglia ricordo della manifestazione
- Personale di supporto lungo il tracciato.
- Assistenza medica e soccorso alpino.
- 4 centri vita muniti di defibrillatore lungo il tracciato ASM
- Eventuale elisoccorso per conclamato stato di emergenza medica con pericolo immediato di vita.
- Medico e ambulanze attrezzate con defibrillatore
- Massaggiatore post gara 
- Ristori durante la corsa
- Ristoro post gara
- Docce a fine gara presso il Centro Polivalente vicino al Comune di Usseglio (necessario esibire pettorale di gara)
- Servizio di cronometraggio 
- Servizio borse presso il Polifunzionale

Le iscrizioni chiuderanno nella data sopra indicata. L’accoglimento di iscrizioni effettuate dopo i termini di chiusura è riservata alla decisione insindacabile del Comitato Organizzatore. Oltre il 26 agosto non si avrà diritto maglia dell'evento ma sarà ancora possibile iscriversi.

18/1 Annullamento da parte dell'atleta (Solo per ASM)

In caso di impossibilità a partecipare, l’annullamento deve essere comunicato via mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. Sono previste le seguenti modalità di rimborso:

Per ASM
- annullamento entro 30 giugno restituzione del 50% della quota
- annullamento entro 31 luglio restituzione del 25% della quota

Per le altre gare non è previsto il rimborso

Non è consentito:
- lo scambio o la cessione del pettorale

18/2 Annullamento per cause di forza maggiore

In caso di annullamento della gara per cause di forza maggiore, fino a 15 giorni prima dell’evento, l’Organizzazione si riserva di rimborsare una percentuale pari al 50% della quota di iscrizione pagata. Tale percentuale è giustificata dalle molteplici spese che l’Organizzazione ha già effettuato e che non può recuperare.
In caso di interruzione o annullamento della gara per motivi atmosferici, o per qualsiasi altra ragione indipendente dall’Organizzazione, nessun rimborso sarà dovuto ai partecipanti.

Art 19 - MODALITA' DI ISCRIZIONE - CERTIFICAZIONE MEDICA

Per poter partecipare, i concorrenti devono aver compiuto il 18° anno di età ed essere in possesso di certificato medico di idoneità alla pratica di questa attività sportiva agonistica in corso di validità per attività ad elevato impegno cardiovascolare (B1, B2, B3, B4, B5, B6), rilasciato dal medico di medicina sportiva e riconosciuto nel proprio paese di residenza e valido per l’anno in corso.

Possono partecipare alla gara tutti quelli in possesso di un certificato medico sportivo agonistico anche non affiliati a Federazioni o Enti di Promozione Sportiva

Possono partecipare i tesserati con una società sportiva ed affiliati ad una federazione o ente di promozione sportiva riconosciuta, per la copertura assicurativa individuale.
Le tessere FISky, FIDAL, UISP o simili non sostituiscono il certificato medico per la pratica sportiva a livello agonistico che deve essere esibito in ogni caso al ritiro del pettorale.

L'iscrizione è personale e definitiva, non sono ammessi scambi di pettorale e/o sostituzioni di nominativi né il cambio di corsa.

Le iscrizioni verranno attivate solamente dopo aver ricevuto il versamento, la copia del certificato di idoneità all’attività sportiva agonistica.
Copia del tesserino di iscrizione ad una federazione o ente di promozione sportiva, valido per l’anno in corso per gli iscritti a società sporrtive.
Per certificare l’abilitazione all’esercizio della pratica sportivi-agonistica NON è sufficiente presentare la tessera FIDAL o di altra Federazione o Ente di Promozione Sportiva. 
Gli atleti stranieri dovranno far compilare, timbrare e firmare da un medico il certificato ed inviarlo alla mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. 
In caso di mancato invio del certificato entro la data indicata, l'iscrizione sarà definitivamente cancellata e nessun rimborso sarà dovuto al concorrente.

Non saranno accettati atleti che stiano scontando squalifiche per uso di sostanze dopanti. Tutti gli atleti iscritti possono essere soggetti a controlli antidoping a sorpresa, sia sul sangue che sulle urine.

Art. 20 - ASSICURAZIONI

Essendo la “ASM - La via di Annibale® - Sky Marathon” una corsa internazionale, l’assicurazione copre anche in territorio francese. 

Art 21 - RITIRO PETTORALE 

Ogni pettorale sarà consegnato individualmente ad ogni atleta su presentazione di:

- Documento di riconoscimento
- Copia del certificato medico sportivo agonistico
- Zaino con materiale obbligatorio
Il pettorale deve essere sempre ed interamente visibile nella sua totalità durante tutta la corsa. Deve essere quindi posizionato sulla coscia destra in modo che sia sempre visibile dai responsabili di gara.

Il controllo del materiale obbligatorio sarà effettuato al ritiro del pettorale.

Il numero del pettorale sarà rilasciato secondo l'ordine di arrivo delle iscrizioni.
Il pettorale di gara ha un numero crescente, gli atleti che hanno corso le passate edizioni, correranno con lo stesso numero di pettorale ma con grafica diversa.

Art. 22 - PARTENZA ASM

Dalle ore 5,00 alle 5,45 presso la casa del fondo di Usseglio ci sarà il briefing pre-gara con illustrazione del tracciato, consegna del pettorale e della cartina individuale del percorso. 
I concorrenti dovranno presentarsi a Usseglio (To) davanti all’hotel Grandusseglio entro le 05.45 di sabato 01 settembre 2018 per essere presenti alla partenza. Alle 06.00 sarà dato il via.
Premiazione dalle ore 16,00 nel parterre davanti all’Hotel Grandusseglio.

Art. 23 - PARTENZA EST 

Dalle ore 7,00 alle 8,45 presso la casa del fondo di Usseglio ci sarà in briefing pre-gara con illustrazione del tracciato, consegna del pettorale e della cartina individuale del percorso. 
I concorrenti dovranno presentarsi a Usseglio (To) davanti all’hotel Grandusseglio entro le 08,45 di domenica 02 settembre 2018 per essere presenti alla partenza. Alle 9,00 sarà dato il via. 
Premiazione entro le ore 12,00  nel parterre davanti all’Hotel Grandusseglio.

Art. 24 - METEO 

In caso di fenomeni meteo importanti (nebbia fitta, bufere di neve, forti temporali), l’Organizzazione si riserva di effettuare, anche all’ultimo minuto o durante lo svolgimento della gara, variazioni di percorso in modo da eliminare potenziali pericoli o condizioni di forte disagio per i partecipanti. Le eventuali variazioni saranno comunicate ai partecipanti e segnalate dagli addetti. L’Organizzazione si riserva inoltre di sospendere o annullare la gara nel caso in cui le condizioni meteorologiche mettessero a rischio l’incolumità dei partecipanti, dei volontari o dei soccorritori. 

Art. 25 - GIURIA

Tecnico di gara:  Merlino Simone

La giuria è composta da:
Vice Presidente della ASD Valli di Lanzo Sport: Merlino Sisto
Giudice di appello: Merlino Simone
Responsabile parte bassa del tracciato: Borla Marco
Responsabile parte alta del tracciato: Bertino Domenico
Tutte le persone scelte per competenza dal vicepresidente e dal tecnico di gara 
tra cui responsabile soccorso alpino e pubblici ufficiali presenti sul percorso

Art. 26 - CLASSIFICHE E PREMI

Vince la corsa il corridore che arriva al traguardo nel minor tempo possibile.
Non sono previsti premi in denaro come da regolamento Fisky
Sarà redatta una classifica generale uomini e donne ed una classifica per ogni categoria maschile e femminile.
Premi in natura al primi tre assoluti per ogni categoria.
Per nessun motivo i premi verranno spediti agli atleti assenti o consegnati in anticipo.
La classifica degli arrivi verrà inviata alle varie Federazioni, nazionali ed internazionali, di competenza per il conteggio dei punti conquistati.

Art. 27- RISTORO POST GARA

E' previsto un ristoro al termine della competizione che sarà garantito fino all'arrivo dell'ultimo concorrente.

Art. 28 - DIRITTI DI IMMAGINE - SERVIZIO FOTOGRAFICO

Con l'iscrizione, i concorrenti autorizzano l'organizzazione all'utilizzo gratuito, senza limiti territoriali e di tempo, di immagini fisse e in movimento che li ritraggano in occasione della partecipazione alle gare.
L’Organizzazione predispone, lungo i tracciati di gara, dei suoi addetti con il compito di effettuare riprese cine/fotografiche dell’evento. L’atleta che fosse interessato all’acquisto delle fotografie che lo ritraggono potrà contattare l'Organizzazione via mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Art. 29 - DICHIARAZIONE DI RESPONSABILITA’

L’organizzazione sottoscrive un’assicurazione di responsabilità̀ civile per tutto il periodo della gara.
La partecipazione e la volontaria iscrizione con la conseguente partecipazione alla corsa “La via di Annibale ® ” Sky Marathon indicano e comportano l'accettazione senza riserve del presente regolamento, delle eventuali modifiche e dell'etica adottati dall'Organizzazione.
Con l’iscrizione, il partecipante esonera gli organizzatori da ogni responsabilità, sia civile sia penale, per danni a persone e/o cose da lui causati o a lui derivati.

Rev.I 20 ottobre 2017

Villanova Canavese

Eexica